Oggi vi mostro una delle mie ricette preferite per sfruttare la polpa del latte vegetale fatto a casa. Questa ricetta l’ho fatta con la polpa di cocco e mandorle che ho nel congelatore. Ma è una ricetta facile di fare e molto versatile e ammette molte variazioni.
Infatti possiamo sostituire gli ingredienti che propongo cui per altri che abbiamo. Troverete qualche idea nella sezione finale di consigli e alternative. Dopo imparare a fare le barrette energetiche possiamo cambiare ingredienti a volontà.
Quando facciamo le barrette energetiche a casa, inoltre a riciclare la polpa del latte vegetale che abbiamo nel congelatore, in quel momento possiamo aggiungere nella massa altri frutti e semi di stagione. In questa maniera riusciremo a fare in maniera semplice ed economica delle barrette energetiche salutari, sostenibili e supernutritivi, adeguati a tutte le tasche.
Possiamo anche fare la scelta dei semi considerando allergie ed intolleranze.
Alla fine di questa ricetta, ad esempio, spiegamo come fare la versione di questa ma senza glutine, adatta per celiaci e celiache.

Dai andiamo alla ricetta!   Separiamo gli ingredienti in due gruppi, ingredienti secchi e ingredienti umidi.

Ingredienti secchi (totale 250 grammi):

  • 40 grammi di polpa di cocco
  • 60 grammi di polpa di mandorla
  • 50 grammi di semi di girasole
  • 100 grammi di fiocchi d’avena

Ingredienti umidi (totale 250 grammi):

  • 150 grammi di datteri snocciolati
  • 100 grammi di prugne secche

Per dare sapore:

  • 30 grammi di cacao magro (se possibile di commercio equo)

 

Elaborazione:

1. Mischiare a mano in ciotola la polpa del latte vegetale ( polpa di cocco e polpa di mandorle) insieme ai semi di girasole. Se abbiamo preso la polpa del congelatore, ci vuole aspettare che si scongela previamente.
2. Dall’altra parte, con un tritatutto facciamo una massa macinando i datteri e le prugne secche. Quando siano macinati aggiungiamo il cacao e mischiamo un po’. Se il tritatutto non ha molta forza ci vuole andare piano piano per non bruciare il motore. Un po’ e poi un altro po’.
3. Poi mischiamo la massa umida che abbiamo macinato colla mischia secca di semi che abbiamo nella ciotola e impastiamo tutto a mano. È importante impastare bene per distribuire i semi in maniera uniforme per la massa umida. Avremo una massa appiccicosa e abbastanza solida.
4. Per finire, aggiungiamo i fiocchi d’avena e mischiamo altra volta.
5. Mettiamo la massa in un vassoio coperta di carta vegetale e cambiamo forma con la mano. La modellamo fino a spianarla, con circa 1,5 cm di spessore.
6. Col coltello facciamo marche alla massa con la forma e dimensioni delle barrette che vogliamo. Questo aiuta al processo nel forno e per tagliarle dopo il forno.
7. Mettiamo il vassoio nel forno, già scaldato a 180 gradi. Nel forno di legna io le ho avuto 10 minuti a 150 gradi per ogni lato, in totale 20 minuti. Poi estrarre e tagliarle per le marche.
8. Per finire lasciare raffreddare. Mettiamo in barattolo di vetro con coperchio che lasciamo fuori dal frigorifero, a temperatura ambiente. Ci dura una settimana minimo.

Consigli ed alternative

Si può fare la ricetta con polpe che abbiamo conservato nel congelatore. In questo caso meglio scongelare prima di usarle per mischiare bene. Conviene aggiungere un po’ di cocco per avere una consistenza più fibrosa.

Per fare la versione senza glutine, nel passo 4 dall’elaborazione sostituire i cento grammi di fiocchi d’avena per altri semi senza glutine, come semi di girasole, arachidi o semi di sesamo. Se i semi sono grandi conviene rompergli in pezzi o tritare per integrargli meglio nella massa.

Come ingredienti secchi puoi anche usare polpa di noccioli, semi di sesamo, arachidi macinati, noci macinati, semi di zucca, ecc.

Gli ingredienti umidi si possono sostituire per 1 banana e 30 grammi di sciroppo(o 30ml d’olio se non vuoi addolcire).