Oggi vi presentiamo un delizioso dessert vegan preparato con latte di mandorle fatto in casa originario del Medioevo, se non precedente. Anche se al giorno d’oggi il budino di riso fatto in casa è principalmente preparato con latte vaccino, in epoca medievale il latte animale fresco era un lusso raro, che poche famiglie potevano permettersi, e la cultura del latte vegetale era molto più presente e ampia di quanto non sia oggi (storia dei latti vegetali).

La preparazione e il successivo utilizzo di latte di mandorla o di altri tipi di latte vegetale fatto in casa era una pratica popolare nelle famiglie più modeste come nelle cucine del palazzo. Se siete interessati alla storia, potete leggere il nostro articolo sulla storia del latte vegetale che siamo molto entusiasti di pubblicare dopo aver raccolto informazioni sul suo uso tradizionale in tutto il mondo.

Ecco la ricetta!

Ricetta vegan de

Ingredienti:

  • 1 litro di latte di mandorle fatto in casa
  • 150 g di riso bianco
  • 100 g di zucchero di canna non raffinato
  • 3 bastoncini di cannella
  • 2 piccoli pezzetti di buccia di limone

 

Preparazione:

  1. Portate il latte a bollore. Quando sarà caldo, aggiungete la cannella e il limone e lasciate a riposare per 5 minuti in modo che possa assorbire il sapore delle spezie.
  2. Quindi aggiungete il riso precedentemente lavato e mescolate per 20 minuti a fuoco basso.
  3. A metà cottura aggiungete lo zucchero e continuate a mescolare fino a quando il riso non sarà cotto e la salsa si sarà addensata.
  4. Rimuovete la cannella e la buccia di limone e dividete il budino di riso in ciotole individuali.
  5. Se avete intenzione di tenerlo in frigo per un paio di giorni, usate dei vasi con coperchio.

Suggerimenti e alternative

A seconda del tipo di riso usato, la quantità di amido potrebbe variare e il budino di riso sarà più o meno denso. Nel nostro video potrete vedere che il nostro era molto denso. In questo caso, vi consigliamo di aggiungere più latte di mandorla (freddo questa volta) per renderlo più leggero.